Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito. Proseguendo la navigazione, si accetta il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o negare il consenso, LEGGERE QUI.
Ok

Olivis B2

Promuove i meccanismi di difesa endogene delle piante e migliora le caratteristiche qualitative delle produzioni

Concime Polifunzionale

  • Stimola il rinverdimento e lo sviluppo delle piante
  • Stimola l’allegagione
  • Riduce la cascola post-allegagione
OLIVIS B2 è un prodotto particolarmente innovativo per la sua esclusiva composizione e formulazione contenente specifici Oligosaccaridi, Peptidi, ed estratti di Alghe.

OLIVIS B2 consente di esercitare, oltre ad una pronta azione nutrizionale, un notevole incremento delle produzioni. 

Composizione

Azoto(N) totale 3,5%
Azoto(N) organico 1,5%
Azoto(N) ureico 2%
Fosforo (P2O5) Solubile in acqua 12%
Potassio (K2O) Solubile in acqua 10%
Carbonio Organico (C) 3%

Microelementi

Rame (Cu) chelato con EDTA 0,5%
Ferro (Fe) chelato con EDTA 0,5%

 

Colture Applicazione Dosi (g/hl) Epoche e consigli di impiego
Agrumicoltura Fogliare 300-350 Sono consigliati tre trattamenti:
il 1° ad inizio della fi oritura, il 2° ed il 3° dopo l'allegagione distanziati di 7-10 giorni.
Viticoltura Fogliare 300-350 Sono consigliati tre trattamenti:
il 1° ad inizio della fi oritura, il 2° ed il 3° dopo l'allegagione distanziati di 7-10 giorni.
Frutticoltura Fogliare 250-300 Sono consigliati tre trattamenti:
il 1° ad inizio della fi oritura, il 2° ed il 3° dopo l'allegagione distanziati di 7-10 giorni.
Olivicoltura Fogliare 250-300 Sono consigliati due trattamenti:
il 1° appena formati i primi frutticini, il 2° al momento dell'invaiatura.
Orticoltura Fogliare 250-300 Sono consigliati tre o più trattamenti distanziati 7-10 giorni l'uno dall'altro a partire dalle fasi di piena attività vegetativa.
Fertirrigazione 5-10 kg/ha Interventi ogni 10-15 giorni
Floricoltura
(in serra e pieno campo)
Fogliare 250-300 Sono consigliati tre o più trattamenti distanziati 7-10 giorni l'uno dall'altro a partire dalle fasi di piena attività vegetativa.
Fertirrigazione 5-10 kg/ha Interventi ogni 10-15 giorni.

Avvertenze

Utilizzare solo in caso di bisogno riconosciuto, non superare le dosi suggerite. Il prodotto è compatibile con i più comuni agrofarmaci. 

Flaconi da 1 kg (cartoni da 10 pz)

Taniche da 5 kg (cartoni da 4 pz)

Prove di efficacia

Sperimentazione sul legno nero della vite
Effetto dei trattamenti con Olivis B2 sul LEGNO NERO in piante di vite sintomatiche - Università di Ancona - Anni 2007/2008

Alla fine dei due anni di sperimentazione, i trattamenti con OLIVIS B2 hanno dimostrato una rilevante riduzione del numero di piante con sintomi di Legno Nero nel vigneto oggetto della sperimentazione. I trattamenti con OLIVIS B2 hanno incrementato l'incidenza del recovery 1 naturale rispetto al testimone non trattato.

L'esclusiva composizione e formulazione, contenente specifi ci Oligosaccaridi, Peptidi, ed estratti di Alghe, generano un effetto sinergico 2 fra le materie prime permettendo dosi d'impiego per ettaro/anno di rame metallo adeguate al
regolamento CE 889/2008 (1/1/2009).
1 Per recovery s'intende la scomparsa dei sintomi da una pianta che in precedenza li aveva dimostrati. In certi casi, alla remissione dei sintomi, si può accompagnare la scomparsa dello stesso agente pataogeno. In questo caso si parla di risanamento.

2 Il termine sinergico è riferito all'azione combinata fra due o più sostanze che, quando applicate insieme, danno una risposta dose effetto maggiore di quella prevista dalla somma dei loro effetti individuali.

Il LEGNO NERO DELLA VITE

Il legno nero della vite è causato da batteri privi di parete cellulare che vivono nei vasi floematici. Questi batteri, piú conosciuti con il nome di fi toplasmi, sono parassiti biotrofi 3 che si sviluppano solamente nel tessuto vivo dell'ospite. Questo rende diffi cile sia il loro isolamento, sia l'accertamento della loro presenza. La diffusione della malattia avviene attraverso un insetto vettore, che succhiando da una pianta infetta, trasmette, in seguito, il fi toplasma ad altre piante ospiti.

3 Il termine deriva da bios (vita) e trofo (nutrimento).

   
Effetti del Legno Nero sui grappoli   Effetti del Legno Nero sulle foglie